Dear visitor,

You have selected our website for Vatican City - Italian from United States - English. You would like to stay on this website?

Ispirazione> Contenuti> Bambù: il materiale per l’architettura del futuro

Bambù: il materiale per l’architettura del futuro

L’architetto Dirk Hebel punta su materiali da costruzione ricavati da bambù, funghi e sisal o ottenuti da ciò che oggi consideriamo rifiuti. Col suo team ricerca alternative per un’architettura sostenibile e orientata al futuro.

“Elaborare e concepire alternative partendo dal contesto”, così Dirk Hebel descrive la sua attività.

Per Dirk Hebel la sostenibilità dell’architettura non dipende tanto dal materiale quanto dall’uso che se ne fa e dalla sua durata. Il tempo di utilizzo deve essere più lungo del tempo che è stato necessario a creare la materia prima necessaria. Per questo insieme al suo team cerca materiali da costruzione alternativi. Iniziando dal bambù.

EGGER:
Come procede per cercare i materiali da costruzione del futuro?
Hebel:
Per ampliare la gamma di materiali da costruzione a disposizione degli architetti, abbiamo bisogno di un approccio multidisciplinare. Nel nostro laboratorio di Singapore lavorano a stretto contatto ingegneri, chimici, architetti e biologi. Inoltre siamo sempre a caccia di novità.
“Sono un architetto che non si accontenta dei materiali da costruzione esistenti.”
EGGER:
Perché il bambù?
Hebel:
Il bambù è una delle piante che cresce più rapidamente sul pianeta. Per la resistenza che ha, è estremamente leggero, resiste alla corrosione e può essere compostato dopo l’uso. Inoltre il bambù cresce proprio nei luoghi con il maggiore tasso di urbanizzazione attuale. E questo ha un’importanza cruciale dal punto di vista della crescente penuria di risorse, anche per l’Europa e gli Stati Uniti: i materiali del futuro potranno essere costituiti per esempio da una combinazione di fibre di bambù e legno.
Materiali alternativi esposta alla Biennale di Venezia.

Qui la sua gamma completa di materiali alternativi esposta alla Biennale di Venezia.

EGGER:
Ciò significa che intende sfruttare ciò che la natura ha già sviluppato?
Hebel:
Esatto. Per me la biologia è una componente essenziale dell’industria 4.0. È necessario cambiare mentalità. Il mio compito è quello di gettare il seme di questa mentalità aperta nel cuore dei miei studenti di architettura, perchè sono loro che costruiranno gli edifici del futuro.
Struttura di prova per un’armatura di bambù per cemento

Il bambù ha molti appellativi, per esempio: “il materiale degli dei” o “il legno dei poveri”. Qui vediamo una struttura di prova per un’armatura di bambù per cemento.